Cerca nel sito

Motore di ricerca del sito

Menu di navigazione

Amministrazione Trasparente

Calendario degli eventi

Calendario
maggioá 2018
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
30 01 02 03 04 05 06
07 08 09 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 01 02 03

Castello di San Giovanni d'Asso

Il Castello di San Giovanni d'Asso Ŕ un complesso architettonico formato da tre corpi di fabbrica originati dall'unione di altre costruzioni innalzate nel corso dei secoli e che racchiudono un cortile al loro interno. I materiali impiegati sono la pietra calcarea e, soprattutto, il mattone.
I periodi costruttivi risultano essere stati quattro: dalla metÓ del 1100 al 1230 circa, dalla metÓ del 1200 agli inizi del 1300, dai primi del 1300 alla metÓ del 1400 e dalla metÓ del 1400 al 1900.
La parte pi¨ antica del complesso Ŕ costituita dal blocco, di forma pressochŔ quadrata, posto a Nord-Est.
Questa costruzione ha inglobato la prima torre originaria, oggi del tutto scomparsa, che si trovava all'altezza del Pozzo di Piazza. Questo fabbricato, sulla facciata Ovest presenta delle monofore e delle bifore con arco affrescato.

La parte a Sud, costruita successivamente (con torretta esagonale, camminamento di ronda e merlatura) Ŕ raccordata a quella Nord da due corpi di fabbrica posti sul lato Ovest e che presentano, nella facciata occidentale, i finestroni archiacuti del grande salone e cinque bifore con colonette di travertino, mentre, a piano terra, vi sono delle monofore.
╚ questa una parte del castello edificata o ristrutturata al tempo dei Petroni (secoli XIV-XV).

Cortile del Castello

L'interno comprende un ampio vano seminterrato, voltato e con grossi archi, molto suggestivo; sulle pareti si rilevano tracce di pitture degli inizi del trecento riproducenti una decorazione a formelle quadrilobate policromate, drappi di vaio e superiormente un fregio con vaso di fiori e uccelli; lo stesso motivo di "medaglioni" quadrilobati si trova al piano superiore presso l'ex forno. Sulla volta del lungo corridoio che porta al detto vano si notano resti di pitture riproducenti racemi verdi e fiori rossi stilizzati (secolo XIV).
Nel bel salone soprastante si trovano un lavabo di pietra serena e un caminetto di travertino.
Sulle pareti sono dipinti tre stemmi di esponenti della famiglia Pannillini e delle relative consorti (fine secolo XVI - inizi secolo XVII); uno di questi potrebbe essere stato affrescato da un pittore della cerchia di Ventura Salimbeni; anche il fregio a grottesca che corre in alto, sotto il soffitto, Ŕ attribuibile alla fine del Cinquecento.
Nel salone Sud dell'ultimo piano si trovano ancora pitture geometriche dei secoli XIV-XV.
Il cortile Ŕ ornato, sul lato Ovest, da un portico con sovrastante terrazza (secolo XV e metÓ secolo XVI) e vi si accede attraverso l'ingresso principale del castello costituito da un bel portone (ancora con l'infisso originale) sormontato da un caratteristico arco senese.

Menu dei collegamenti di utilitÓ