Cerca nel sito

Motore di ricerca del sito

Menu di navigazione

Amministrazione Trasparente

Calendario degli eventi

Calendario
novembreá 2017
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
30 31 01 02 03 04 05
06 07 08 09 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 01 02 03

Storia

Piccolo borgo antico che contorna l'imponente, austero castello.

Legato allo scorrere del fiume Asso (affluente dell'Ombrone), che lo attraversa in quasi tutta la sua estensione, il territorio di San Giovanni d'Asso Ŕ abitato da tempi immemorabili. Recenti ricognizioni archeologiche effettuate nella localitÓ di Pava per esempio hanno scoperto l'esistenza di una insediamento etrusco-romano proprio in prossimitÓ di un guado sull'Asso. Per trovare per˛ notizie documentate sul Comune bisogna risalire all’alto medio evo, quando si hanno notizie della splendida canonica di San Pietro in Villore giÓ dal 714, autentico gioiello dell’arte romanica, le cui forme attuali sono riconducibili al XII secolo.
A caratterizzare maggiormente e dare l'identitÓ medioevale a tutto il territorio sono i suoi due principali castelli. Di quello di San Giovanni si hanno notizie certe giÓ dal XII secolo.
Recenti restauri hanno restituito splendidi affreschi. Sul retro della fortezza si apre la piazza di quello che era il nucleo originario di questo borgo delle Crete, con la bellissima chiesa di San Giovanni Battista. Qui, nell'ottava di Pasqua da trecento anni ha luogo la cosiddetta festa popolare dello Scricchio.

Il castello di Montisi si trova invece sulla sommitÓ dell'antico Monte Ghisi, antica dimora dei conti Cacciaconti di cui rimane ancora una parte del cassero, un grande torrione a forma quadrata. Una cerchia di mura ancora parzialmente visibile circondava il castello ed una strada ellittica, l'attuale Via del Castello, fungeva da cammino di ronda.
L'ultimo feudatario di Montisi Simone Cacciaconti cedette nel 1295 terre e case del borgo allo Spedale di Santa Maria della Scala che in parte trasform˛ nella splendida Grancia che ancora oggi Ŕ possibile ammirare. Proprio per ricordare un episodio storico legato alla figura di Simone Cacciaconti ogni mese di agosto le quattro contrade di Montisi si affrontano nella tradizionale Giostra di Simone in cui i quattro cavalieri cercano di colpire al galoppo con una lancia un buratto con tanto di bersaglio e "flagello".

Altri interessanti castelli due-trecenteschi (rimaneggiati nei secoli successivi) sono quelli posti sui colli occidentali della Valle dell'Asso: il castelletto Accarigi e Castelverdelli.

San Giovanni d'Asso

Un diruto maniero, MontelifrŔ, con ai piedi un piccolo borgo, si trova nei dintorni di Montisi, mentre su un altro colle a sud-est si trova il caratteristico paesino di Lucignano d'Asso da cui si gode, specialmente al tramonto, una immensa e suggestiva visione delle Crete.
Affacciandosi proprio dal giardino che porta all'ingresso del Museo di San Giovanni d’Asso si profilano antiche edificazioni, si scorge un maniero posto sulla sommitÓ della collina di fronte, leggermente spostato sulla sinistra, ovvero il Castelletto (o Castell'Accarigi) cinto come in un abbraccio da fitti cipressi ed alte mura, in posizione dominante rispetto alla campagna circostante, sorse nei secoli classici dell'incastellamento in Toscana (fra il X ed il XII secolo). Mentre un'altra storica dimora, poco distante, in linea retta, Villa Ferrano, esempio di quel linguaggio architettonico rurale che prese avvio nel Cinquecento - per durare alcuni secoli - con la grande diffusione delle ville nella campagna toscana e che origin˛, spesso, la trasposizione della stessa tendenza costruttiva nell'architettura delle case coloniche.

Da non perdere il piccolo borgo e il castello di Monterongriffoli che sorge sulla sommitÓ di una collina, ad una altezza di circa 300 metri sul livello del mare, in posizione isolata, e raggiungibile solo attraverso una strada a sterro.
Il paesaggio circostante Ŕ quello tipico della campagna a Sud di Siena, caratterizzato dalla presenza di scoscesi pendii, alternati a boschi che crescono rigogliosi lungo i fossi e circondati da campi coltivati.
ll cassero di Monteron Grifoli riposa sopra una specie di zoccolo coperto di tufo alquanto sollevato dalla cresta della sottostante collina calcarea.

Nel distretto di Monterongrifoli si sono scoperte, a partire dal 1518, urne etrusche, iscrizioni sepolcrali romane ed altri reperti antichi.
Testimonianze tendenti a dimostrare che questa contrada doveva essere ben popolata fin dall'antichitÓ.
A conferma di ci˛ l'esistenza di tre antiche pievi in un ambito territorialmente ristretto. Inoltre il naturalista Baldassarri trov˛ un acquedotto sotterraneo nelle vicinanze di Monteron Grifoli con concrezioni calcaree di singolare struttura.

á

Menu dei collegamenti di utilitÓ